Maria Sferrazza
Comunicazione BtoC 

 

Per ripensare i propri stili di consumo in un’ottica più responsabile nei confronti dell’ambiente e dei lavoratori è centrale l’informazione.

Dalle ricerche emerge chiaramente l’attenzione per i prodotti sostenibili, ma allo stesso tempo i consumatori chiedono alle aziende una comunicazione trasparente sulle caratteristiche e sull’impatto ambientale e sociale di ciò che si sta acquistando.

Fairtrade è molto più di un marchio su un prodotto e restituire la molteplicità dei benefici apportati ai produttori e alle comunità rurali nei Paesi in via di sviluppo a diversi pubblici è una sfida che ci vede costantemente impegnati attraverso varie iniziative e con diverse modalità d’interazione.

Crediamo infatti che la sensibilizzazione verso comportamenti di spesa e di consumo più ecosostenibili, soprattutto delle fasce più giovani della popolazione, possa a sua volta orientare le aziende e aumentare il loro impegno sul fronte della produzione responsabile.

 

 

COLLABORAZIONI CON LE UNIVERSITÀ

 

Il mondo universitario rappresenta un partner importante per Fairtrade, sia nell’ambito della ricerca, sia in quello della divulgazione e dell’attivazione degli studenti, una fascia di popolazione molto sensibile agli impegni di sostenibilità delle aziende e a stili di consumo etico.

 

Lezioni

Il rapporto con alcuni Atenei è consolidato da anni, grazie alle lezioni su Fairtrade ospitate da alcuni corsi di laurea e master di specializzazione. Le Università con cui abbiamo collaborato sono Ca’ Foscari (Venezia), Università di Padova, Tor Vergata (Roma), Statale, Politecnico e Cattolica di Milano. 

 

La mobilitazione degli studenti

All’interno di alcune di esse sono nati gruppi di studenti che si sono attivati per far conoscere Fairtrade ai compagni, come ad esempio quattro ragazzi del corso di laurea in Dietistica dell’Università di Torino che hanno realizzato e messo in Rete un breve video che in pochi secondi illustra in modo efficace i benefici di Fairtrade per i produttori nei Paesi in via di sviluppo.

Alla Statale di Milano è nata Diciassette, un’associazione tutta al femminile che offre agli studenti occasioni di approfondimento sullo sviluppo sostenibile. Ad aprile le sue fondatrici hanno organizzato una conferenza sul consumo responsabile con un focus sulla certificazione Fairtrade dal titolo ‘Responsible Consumption Conference’.

Hanno avuto invece al centro il rapporto tra crisi climatica e modelli di consumo due iniziative a livello nazionale ispirate al Goal 12 relativo a produzione e consumo responsabili dell’Agenda 2030 dell’Onu. 

La prima, i Saturdays for future, è stata una mobilitazione nazionale promossa da ASviS e Next-Nuova economia per tutti che ha visto decine di eventi organizzati da imprese e organizzazioni della società civile per tradurre la partecipazione di piazza dei Fridays for Future in un’azione di cittadinanza attiva quotidiana.

Il 28 settembre abbiamo coinvolto nei Saturdays for future gli studenti dell’Università di Torino e di Padova, che hanno utilizzato il momento dell’aperitivo per confrontarsi del consumo responsabile come risposta all’emergenza climatica in atto, coinvolgendo in totale un centinaio di ragazzi.

La seconda iniziativa nazionale universitaria che ci ha coinvolti è stata la Sustainability Week, organizzata da AIESEC in tutta Italia. Dal 3 all’8 dicembre l’organizzazione non profit giovanile internazionale più grande al mondo ha coinvolto gli studenti di sette Università italiane con lezioni, eventi e workshop sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite. All’Università Ca’ Foscari di Venezia abbiamo partecipato a un workshop sulla lotta al cambiamento climatico (Goal  13)  insieme a docenti e ricercatori del CNR.

 

Eventi: il Fairtrade cocktail party

Across the University”, il festival studentesco organizzato ogni anno a Padova in primavera, ha ospitato anche nel 2019 un cocktail party targato Fairtrade.

I drink offerti, preparati con ingredienti del commercio equo, hanno dato lo spunto per parlare con i ragazzi di commercio equo e per capire cosa significhi per loro vivere in modo sostenibile. In collaborazione con la cooperativa Chico Mendes di Modena abbiamo poi approfondito con un dibattito la filiera della frutta secca in America Latina.

Il video dell’evento pubblicato sui social ha raggiunto oltre 160.000 utenti in rete, per un totale di 225.000 visualizzazioni.

 

 

INCONTRI SUL TERRITORIO

 

Nel corso del 2019 siamo stati invitati a diversi incontri organizzati dai nostri partner, ma anche a festival ed eventi pubblici, che ci hanno permesso di entrare in contatto con i consumatori, parlare del sistema Fairtrade, spiegare cosa si cela dietro il Marchio che trovano sui prodotti e raccontare le storie di riscatto dei nostri produttori. 

Grazie alla collaborazione sempre attiva con i soci Coop sul territorio, abbiamo toccato Novate Milanese, Genova, Vercelli, Tortona. Altri interventi sono stati ospitati a Padova e Milano.

L’appuntamento annuale a Eurochocolate ci ha visti protagonisti di un evento internazionale che ci ha permesso di confrontarci con delegazioni dai Paesi di origine del cacao. A Treviso, abbiamo parlato di empowerment femminile in occasione della Fiera Quattro Passi, mentre a Milano, in occasione della celebrazione dei 25 anni di Fairtrade Italia, abbiamo organizzato l’incontro “Dialoghi sul razzismo” con ospiti autorevoli. In tutto l’arco dell’anno abbiamo incontrato più di 1.000 persone.

 

 

Fairtrade e istituzioni religiose

 

Il forum che raduna le congregazioni religiose, la UISG-Unione Internazionale Superiore Generale, ci ha invitati a presentare presso la loro sede a Roma il sistema Fairtrade e i benefici per i produttori nei Paesi in via di sviluppo. L’occasione è stata la riunione del comitato per la giustizia e la pace dell’UISG.

Come risultato dell’incontro, a maggio, durante la tre giorni dell’assemblea generale della UISG, è stato allestito un corner con prodotti e materiali di comunicazione con l’obiettivo di far conoscere Fairtrade ai rappresentanti delle comunità religiose di Roma che gestiscono ospedali, dormitori, scuole, grandi comunità.

 

 

La grande sfida Fairtrade

 

Colazioni, pause caffè, laboratori, eventi culturali: oltre 40.000 persone hanno dimostrato il proprio supporto ai piccoli produttori agricoli nei Paesi in via di sviluppo.

Dal 10 al 12 maggio la nostra campagna La Grande Sfida Fairtrade, ideata in occasione della Giornata mondiale del Commercio Equo e Solidale, ha visto 227 eventi – 174 in locali pubblici e 53 in contesti privati – organizzati in tutta Italia e registrati sul sito www.grandesfidafairtrade.it.

La sfida tra bar è stata vinta da Costadoro che presso il suo presso il Coffee Lab Diamante a Torino ha organizzato l’evento più partecipato “RespecTo loves People”, aggiudicandosi così il titolo di Fairtrade Best bar d’Italia 2019.

 

 

Gli “sfruttatori” ancora in azione

 

Un pomeriggio come tanti, in un supermercato come tanti, una promoter e il titolare dell’azienda “SfruttaTori” si aggirano tra le corsie tentando di convincere i clienti ad accettare i loro prodotti, caffè, cioccolato, zucchero e banane offerti gratuitamente perché ottenuti sfruttando la manodopera nei Paesi di origine.

La nostra campagna di sensibilizzazione dal tono provocatorio, realizzata per la prima volta nel 2018 in piazza a Milano, ha visto di nuovo in azione i nostri attori questa volta nel momento in cui le persone stanno facendo la spesa.

La loro performance e la reazione delle persone sono visibili nel video pubblicato sui nostri social e visualizzato da 830.000 utenti.

 

 

LE SETTIMANE FAIRTRADE

 

Il video degli SfruttaTori è stato lo spot di lancio delle Settimane Fairtrade, la nostra campagna di promozioni in-store che nel 2019 si è svolta in partnership con Coop, Carrefour e LIDL.

Nei due week end dell’11 e 12 ottobre e del 18 e 19 ottobre le nostre promoter erano presenti in 423 punti vendita su tutto il territorio nazionale e sono entrate in contatto con circa 46.000 persone, offrendo degustazioni e fornendo informazioni su Fairtrade e sui prodotti private label certificati presenti sugli scaffali.

L’iniziativa ci ha permesso di organizzare degli incontri di formazione con i dipendenti di Coop Liguria e di Coop Reno e in Carrefour Italia.

I comitati dei soci Novacoop e Coop Liguria hanno contribuito a rafforzare la nostra azione, organizzando banchetti informativi e degustazioni.

 

 

FAIRTRADE BEST FRIEND

 

Andrea, Luca, Paola, e Sara sono quattro studenti dell’Università di Torino che hanno realizzato per il loro corso di studi in Dietistica KEEP CALM AND BUY FAIRTRADE: un breve video per spiegare che con i nostri acquisti possiamo fare la differenza.